November 2021
September 2020
February 2020
December 2019

emorroidi in gravidanza

pregnancy CC

La malattia emorroidaria é piuttosto frequente in gravidanza a causa di diversi fattori tra cui:
  • aumento della pressione all’interno della pelvi per aumento di volume dell’utero che ostacola il ritorno venoso e favorisce inoltre la stitichezza
  • cambiamenti ormonali che determinano alterazioni del tessuto connettivo di sostegno
  • aumento del peso
  • ridotta attività fisica
Dal 30% al 46% delle puerpere soffre di emorroidi. Nella maggior parte dei casi i sintomi si risolvono spontaneamente. Tuttavia un ritardo nel riconoscimento e nel trattamento può far sì che un fastidio lieve possa trasformarsi in un disturbo più rilevante. La trombosi emorroidaria si presenta nell’8% delle donne durante l’ultimo trimestre di gravidanza e nel 20% delle donne nell’immediato post parto. Questo rischio pare aumentare con le gravidanze successive.

COME PREVENIRE
Innanzitutto facendo attività fisica che favorisce la regolarità dell’alvo e il ritorno venoso. L’esercizio ideale é passeggiare, mentre sono da evitare gli sforzi intensi. Occorre poi porre attenzione alla dieta che deve essere ricca di fibra e povera di alimenti irritanti (quali spezie, insaccati, cioccolato, caffè,…) accompagnata ad una adeguata introduzione di liquidi (bere almeno 1.5 - 2 litri di acqua al giorno). Tutto questo per favorire la regolarità dell’alvo (feci morbide, evitando lunghi tempi defecatori e le spinte eccessive). Se necessario é possibile integrare con fibre aggiuntive. Molto importante é la modalità con cui si esegue l’igiene intima: é meglio evitare l’uso della carta igienica e lavarsi direttamente con acqua tiepida e un detergente intimo specifico. Assolutamente sconsigliati sono i lavaggi con acqua fredda o peggio ancora l’applicazione del ghiaccio che determinando spasmi muscolari potrebbero favorire la trombosi emorroidaria esterna per strozzamento del gavocciolo. Andrebbero anche evitati i semicupi per potenziale rischio di infezioni ascendenti. Sarebbe di aiuto limitare l’incremento poderale.

COSA ASPETTARSI CON IL PARTO
Il parto, specie se caratterizzato da spinte intempestive o prolungate, rappresenta un possibile fattore scatenante per il prolasso emorroidario. La sindrome emorroidaria che ne consegue può essere fastidiosa per una neo-mamma, ma si risolve solitamente in pochi giorni.

QUALI RIMEDI: ESISTONO FARMACI SICURI?
Le più recenti raccomandazioni europee (ESCP 2019), basate sull’opinione di esperti supportate da linee guida, sono a favore dell’uso durante la gravidanza di trattamenti locali e farmaci flebotonici. Anche se diversi autori hanno sostenuto l'efficacia durante la gravidanza di trattamenti locali a base di cortisone / anestetico e della somministrazione di flavonoidi per bocca (in grado di risolvere i sintomi in 2/3 dei casi), occorre sottolineare che allo stato attuale, così come é possibile leggere sul “bugiardino” dei prodotti, nessuno di questi farmaci può essere considerato sicuro al 100% e che purtroppo esistono ancora opinioni contrastanti. Meglio quindi, quando possibile, preferire prodotti locali decongestionanti per la cui prescrizione é consigliabile rivolgersi al proprio ginecologo o eventualmente ad un proctologo.

SI POSSONO ESEGUIRE TRATTAMENTI CHIRURGICI?
In accordo con le raccomandazioni nazionali (SICCR 2015) ed europee (ESCP 2019), basate tuttavia essenzialmente solo sull’opinione di esperti, pare sia possibile eseguire senza rischi per il feto sia trattamenti ambulatoriali quali drenaggio di trombosi o chirurgici quali emorroidectomie in caso di fallimento dei trattamenti conservativi.

E DURANTE L’ALLATTAMENTO?
La malattia emorroidaria si presenta anche dopo il parto con incidenza maggiore rispetto alle donne di pari età che non hanno partorito. Durante l’allattamento però la gestione é generalmente più agevole sia perché si vanno risolvendo alcuni dei fattori predisponenti visti in precedenza sia perché si ampliano le opzioni terapeutiche.
November 2021
September 2020
February 2020
December 2019
Privacy Policy